La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

CONCORSO”LA VITA CHE TI DIEDI”VERDETTO CONCLUSIVO CATEGORICAMENTE INCONFUTABILE

 

UN’AFFABILE GRAZIE AL VOSTRO BUON CUORE.

 

CONCORSO”LA VITA CHE TI DIEDI”

 

COME DA BANDO

 

OBBLIGO DI PRESENZA

 

la non presenza fa decadere l’attribuzione

 

TOTALE PREMIATI: NUM 15

 

VERDETTO CONCLUSIVO CATEGORICAMENTE INCONFUTABILE

 

CONFERIMENTI SPECIALI

 

ASSEGNAZIONE DELLA TARGA DELL’ACCADEMIA PER

 

1° POSTO CATEGORIE SPECIALI

 

sezione POESIA a tema libero

 

POESIA DEL SENTIMENTO”

 

Opera “SENZA TE “

 

Autore: MORELATO ROBERTO DI VERONA

 

Mot:” grazie alle parole che non si disperdono nell’etere,versi impulsivi , dolorosi, danno vita ad un vivo, triste acquarello che rimanda allo stile primario del giovane Zorn”.
EURITMIA POETICA”
Opera” GIÀ SCHIARA IL CIELO”

 

Autore: BERNINI GIULIO DI ROMA

 

Mot:”verseggio rafforzato da attraente tonalità colloquiale, in armonia tra intenzione e tangibilità dell’anima.”

LA VOCE DEL CUORE”

 

Opera”VERSI D’AMORE”

 

Autore:BRUNI MARCO DI GROSSETO

 

Mot:”avvinto da ingentilita scrittura, il verseggio diviene necessità poetante del silente dialogo incorporeo dell’autore.”

 

sezione NARRATIVA

 

Racconto a tema libero

 

LA RAGAZZA DI GOMMA”

 

Autore: LASWOKAWA RAMA NIKOLLA DI PERUGIA

 

Mot:”a un giovane africano viene impedito l’amore rivolto ad una quindicenne svedese, diversa la lingua, la religione, la società. E allora cosa fa il ragazzo? Si costruisce una sagoma identica all’amata. Nel faticoso rapporto con la realtà, la singolare coscienza in libertà. Passione e determinata equipollenza cromano un racconto d’eccelsa fattura.”

ILARITÀ ED ESTRO”

 

Commedia in due atti a tema libero

 

Opera “IL PORTIERE DI VIA ETTORE ROLLI”

 

Autore: ANGELO BIANCO DI ROMA

 

Mot:”nel divertente mosaico la vita insegna ad apprezzare anche la povertà.

 

Un’esclusiva, sciolta finzione sulla convinzione che se si vuole imboccare la via giusta basta un po’ d’allegria.”

 

sezione SAGGISTICA

 

IL RICORDO E IL TEMPO”

 

Opera inedita a tema

 

LA VITA CHE TI DIEDI”

 

COM’ERA LA VITA DI UNA RAGAZZA MADRE”

 

Autore:ROSSO IVALDA MARIA DI TARASCONA(FRANCIA)

 

Mot:”può essere che mettere al mondo un figlio senza un legittimo padre, sia stato motivo di infelicità e di separazione dalla propria famiglia e dal proprio mondo, ma perché fuggire se poi non si raggiunge la felicità? Questo è il quesito sul quale è impiantato il lavoro espresso con lucidità ed eleganza, ove l’autrice presenta la responsabilità della trasmissione dell’esistenza, e della condizione delle donne sottoposte alla cultura patriarcale.

 

L’uomo da sempre si sente in diritto di gestire anche il ventre della donna, per proteggerla ovviamente! Ma, per fortuna che i tempi son cambiati.”

 

sezione FAVOLA

 

UMANITÀ SENZA CONFINE”

 

Opera inedita a tema libero

 

IL CAPPOTTO DI PANE TOSTATO”

 

Autore: PRESENZA MARIA CINZIA DI BELLUNO

 

Mot:”un’ottima esposizione in ripresa di base e valori, in cui si evidenzia una cultura civica disuguale, violenta ed intollerante legata al colore della pelle, ciononostante, un bimbo di soli tre anni, costruisce con rimanenze di pane un cappotto da donare ad una bimba dal colore della carnagione, diversa da lui. L’amore vince su tutto,”NON CONDANNA”, e denomina problematiche filosofiche. Una favola scorrevole, avvincente ed adatta per qualsiasi ceto ed età.”

 

sezione PREGHIERA

 

ESTENSIONE ESCLUSIVA DELL’EMOZIONE”

 

Orazione a tema ”LA VITA CHE TI DIEDI”

 

PREGHIERA PER UN CEREBROLESO”

 

Autore ELEZI STELLA di MACERATA

 

Mot:”una preghiera dal moto apparentemente calmo ma densa di inquieto mistero, e la vita come dono interiorizzato dal Suo progetto.

 

Meditando nel segreto umano e personale, brividi, messaggeri di speranze annegate in triste giorno, si associano a fugate illusioni.”

 

sezione EPISTOLA

 

NUDA AMAREZZA”

 

lettera aperta a tema

 

LA VITA CHE TI DIEDI”

 

Opera TU SEI MIA FIGLIA!”

 

Autore: HANSBACH PAUL MICHAEL da CAMPIONE D’ITALIA

 

Mot:”nel piano dialogato il silenzio intenso dell’anima si offre all’attesa e alla ricerca della ponderazione in mutata consapevolezza dell’interiorità preventivamente misurata con diniego.”

 

SEZ NARRATIVA—SOLILOQUIO a tema

 

LA VITA CHE TI DIEDI”

 

Categoria “CRONACA ANIMA E CUORE”

 

Opera

 

L’AGRO SAPORE DI LUI SULLA MIA PELLE”

 

Autore: CONTI VALERIA DI RAVENNA

 

Mot:”come Dante si fece condurre nel viaggio dantesco, così l’autrice si fa condurre dal ricordo della pelle del suo bimbo cerebroleso e morto ad appena tre anni. La sofferenza e il ricordo accendono il dialogo espresso con linguaggio puro, intenso, dettato dal cuore”.

SEZ LIBRI EDITI PREMIO LETTERATURA EMBLEMATICA

 

Si assegna il medaglione in cristallo all’opera edita, a tema socio-teologico

 

LA SACRALITA’ DEL SACRO” Secondo Paolo di Tarso.

 

Autore:ESILE OSCAR di UDINE

 

Casa editrice:ALETTI

 

Mot:”il testo presenta lemmi sommessi in soprassalto di rivelazione,e in adesione al titolo. La conversazione variegata e nutrita sviluppa un intendimento ontologicamente “in verbis”.

 

SEZ LIBRI EDITI PREMIO LETTERATURA GIALLA

 

Si assegna il medaglione in cristallo all’opera edita, a tema libero e chimerico

 

KRUPKIN IL RITORNO

 

Autore: THE HAWK LUIGI(IL FALCO)

 

Casa editrice:youcanprint

 

Mot:”chi è PAVEL KRUPKIN?un personaggio assai pittoresco e che ha conosciuto le vicissitudini della vita…

 

tralasciando la corposa storia narrata, in quanto si dovrebbero scrivere pagine e non solo poche righe,la motivazione del premio si basa sulla forbita inventiva di questo originale autore, ch’è riuscito a convogliare estro e capacità intellettiva con efficacia eloquenza e modernizzazione tematica.”

 

PREMIO ALLA CARRIERA-medaglia oro zecchino a MARCHEGGIANI SANTILLI OSCAR

 

Motivazione “la commissione del concorso a favore dell’associazione “FILO D’ORO OSIMO” in pieno accordo conferisce il PREMIO ALLA CARRIERA a MARCHEGGIANI SANTILLI OSCAR di Milano, un personaggio di insolito spessore intellettuale, sagace autore,tra le migliori voci della letteratura nazionale.

 

Le sue narrazioni si differenziano per la foggia penetrante, in cui l’avvenenza della parola si gemella all’immensità della meditazione saggistica, e si adopera allo studio accurato e lucido delle diverse ideologie.”

 

SEZ LIBRI EDITI PREMIO DI GIURIA E PRESIDENZA

Si assegna la COPPA FRANCESCO PETRARCA al narratore CREPALDI CLAUDIO di Bolzano

 

per il testo “SONO TUO FIGLIO” edito da FONDAZIONE MARIO LUZI.

 

Mot:”si scorge nell’opera la celebrazione di un lungo percorso di Fede, nel quale viene proiettata la vita, densa di pensieri ed intenzioni infelici. L’autore con rifinito linguaggio interpreta l’anima dell’essere odierno, il cui chiosa ansie ed incertezze con l’insopprimibile protostoria civile. Il testo cullato da una fruttuosa solitudine contemplativa tratta storia reale, sorgiva e animata da Madre Natura, riassunta e rivissuta

 

con assorto trasporto.”

PODIO

 

3 class -medaglia in oro zecchino

 

Opera poesia inedita a tema libero

 

UNA DONNA DA MARCIAPIEDE”

 

Autore: SANSONE CARLO DI TERAMO

 

Mot:”inappuntabile versifico umano da input dialettico pubblico, affronta un tema delicato, ove la poesia si mostra come sguardo critico”.

2° class.–coppa ARGENTO PURO

 

POESIA INEDITA a tema

 

LA VITA CHE TI DIEDI”

 

Opera”PROIBITO VIVERE”

 

Autore:MARITA DA VITERBO

 

Mot:” un raffinato postulato poetico-sociale, costruito con cordialità verbale ed eretto da una distinta struttura pensante”.

 

1° class.–trofeo ORO ZECCHINO

 

FABULA IN VERSI INEDITA a tema

 

LA VITA CHE TI DIEDI”
TITOLO “L’URLO D’UN UOMO FINITO”

 

Autore: KASTRIOT RUGGERI BIANCA MARIA

 

DI BERAT (ALBANIA)

 

Mot:”versi passionali di delicata fattura che si apprestano con ritmo incalzante e travolgente alla forma serrata e travolgente della narrazione, che si dipana all’esigenza dell’aspra realtà di una madre, con figlio cerebroleso. Germoglia nell’elaborato amara considerazione, che si muta pian piano in introspezione psicologica, che attanaglia in una morsa un messaggio a tutti noi rivolto e, nel quale possiamo leggere la richiesta di valorizzare quei teneri momenti affettivi, che si confermano nella validità della Sua parola che, lega il rapporto conflittuale, effettivo. Un lavoro linguisticamente superbo, con punte rimembrative legate al paese d’origine della scrivente, Oristano, in cui sono presenti note alte, degne della meglio tradizione narrativa italiana.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla stessa associazione

Ultime Rassegna Stampa