La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

Premio Nuovi Scrittori e Nuove Scrittrici

Premio Letterario per Scrittori e Scrittrici Esordienti

Che vuole ricercare e scoprire nuovi talenti letterari della narrativa italiana

e aiutarli a pubblicare gratuitamente le loro opere

Tutte le opere letterarie inviate al Premio saranno attentamente esaminate dalla segreteria del concorso. E, se ritenute idonee, verranno segnalate e raccomandate alle Case Editrici più adatte. Per avere una futura e gratuita pubblicazione dell’opera con un regolare accordo editoriale.

Inoltre tutti gli Scrittori e le Scrittrici che partecipano al Premio, per tutta la sua durata che è di un anno, riceveranno, se vogliono, consigli, chiarimenti, insegnamenti, e quanto serve per aiutarli a migliorare la propria scrittura. E tutto questo sarà gratuito.

Si possono inviare le opere come volete o come potete, tramite computer o altro dispositivo scritte su un file, dattiloscritte o stampate su carta, e anche manoscritte, cioè scritte a mano, con carta e penna, matita o inchiostro. Basta inviare una copia.

Scadenza del bando: le opere si possono inviare alla segreteria dal 1 giugno al 30 settembre. Per chi non facesse in tempo per tale data, per validi motivi personali, può chiedere alla segreteria del Premio di inviare le sue  opere anche oltre tale data. Valuterà la segreteria se accettarle.

Regolamento

1.       Chi può partecipare.

Il premio è aperto a tutti i cittadini italiani. Uomini e donne, maggiorenni e minorenni, senza limiti di età. Anche italiani residenti all’estero.

2.       Caratteristiche delle opere inviate.

Le opere presentate al Premio devono essere scritte in lingua italiana. Devono essere di narrativa. Devono essere inedite, cioè mai pubblicate prima, neppure parzialmente, con una casa editrice o  con un accordo editoriale. Chi ha partecipato a qualsiasi altro concorso, ma non ha vinto, può partecipare. Chi ha pubblicato l’opera per proprio conto e a proprie spese su qualsiasi piattaforma internet o sul cartaceo o in altri modi, in modo libero e autonomo, può partecipare. Per altre situazioni si può chiedere in segreteria, che valuterà se accettare o no l’opera in questione.

3.       Con cosa si può partecipare.

Si può partecipare con Romanzi, Racconti singoli e Raccolte di Racconti.

Vale a dire che si può inviare un solo Romanzo o più di uno. Un solo Racconto o più di uno. Una sola Raccolta di racconti o più di una. O si possono fare invii misti. Senza limiti di numero.

4.       Che cosa si accetta.

Si accettano tutti i generi della narrativa. Quelli classici e anche quelli nuovi e innovativi. Senza porre limiti all’inventiva e alla creatività. (Esclusi quei generi citati al punto 5.)

5.       Cosa non si accetta.

Non si accettano opere erotiche o pornografiche, politiche, religiose, col soprannaturale, o scritte per offendere le razze o le scelte di vita.

6.       In che modo possono essere scritte le opere.

Le opere possono essere scritte in qualsiasi modo. Con un qualsiasi programma elettronico di scrittura su computer o su altri dispositivi, in qualsiasi formato cartaceo dattiloscritto, e in qualsiasi formato di manoscritto, cioè scritto a mano con carta e penna, inchiostro o matita. Questo per non perdere un possibile talento letterario che potrebbe essere nascosto tra le righe di questi manoscritti.

Resta inteso che la scrittura deve essere chiara e facile da leggere. E le pagine numerate correttamente.

Per chi è indeciso ecco un libero suggerimento di scrittura, che non è obbligatorio :

formato pagina : A4. Carattere di scrittura: Times New Roman. Dimensione carattere (corpo) : 12. Interlinea : 2. Allineamento: Giustificato. Formato file: RTF (Rich Text Format) oppure in PDF.

7.       Cambiamento del formato del testo dell’opera.

Se un’opera risultasse idonea per essere visionata da una casa editrice, e fosse richiesto dalla Casa Editrice un formato di scrittura diverso da quello dell’opera inviata al Premio, l’autore o l’autrice ne saranno informati. E dovranno rispedire al Premio l’opera scritta nel formato di scrittura che la segreteria indicherà loro.

8.       Le Case Editrici contattate.

La segreteria del Premio contatterà le Case Editrici che sono di grandi, medie o piccole dimensioni editoriali. Che pubblicano gratuitamente le opere accettate, con un regolare accordo editoriale. E segnalerà loro le opere del premio che reputa idonee alla pubblicazione. Raccomandandole per il loro valore letterario ed editoriale. E se fossero interessati per una possibile pubblicazione, solo allora, la segreteria informerà gli autori o le autrici che potranno mettersi in contatto con la Casa Editrice interessata alla loro opera.

9.       Autorizzazione.

Chi partecipa al Premio autorizza la segreteria a utilizzare in modo gratuito la sua opera, per intero o solo alcune parti di essa, per mandarla, come riterrà meglio, e proporla alle Case Editrici per esaminarla per una pubblicazione. O per pubblicizzare parti dell’opera in altri modi. Usando anche il nome dell’autore o dell’autrice.

10.   La provenienza dal Premio.

Tutte le opere segnalate dalla segreteria alle Case Editrici, e poi da loro pubblicate in qualsiasi formato si voglia farlo, dovranno far comparire, in modo chiaro e leggibile, sulla copertina o all’interno, in qualche modo, la loro provenienza dal nostro Premio, e avere sotto o accanto la nostra email dei contatti. Lo Scrittore o la Scrittrice si impegnano a far rispettare questa decisione.

11.   La valutazione delle opere.

Tutte le opere verranno esaminate e valutate dalla segreteria del Premio. Che, se lo riterrà necessario, potrà essere aiutata da altri valutatori esperti della scrittura di narrativa. Questi valutatori rimarranno sempre anonimi.

12.   Un aiuto speciale.

Se le opere inviate, per essere ritenute idonee di segnalazione alle case editrici, avessero bisogno di essere corrette leggermente o di essere migliorate lievemente nel testo narrativo in modo semplice e veloce, la segreteria informerà chi ha scritto l’opera. E gratuitamente darà i dovuti suggerimenti. Poi, se lo vorrà, chi ha scritto il testo, vi potrà apportare i dovuti miglioramenti e rispedire il tutto al Premio. E poi verranno segnalate a una casa editrice. Però chi riceverà questo aiuto non potrà essere tra i vincitori del Premio. Ma potrà essere citato solo per l’aiuto speciale ricevuto.

13.   La scheda di valutazione.

Tutti i partecipanti, chi vince e chi non vince, la riceveranno. Dopo un attento esame delle opere sarà compilata per ognuna di esse una scheda di valutazione letteraria. Dove saranno evidenziati i pregi e i difetti della narrazione. E si daranno suggerimenti pratici per rendere la propria scrittura la più pubblicabile possibile. Per migliorare lo scritto che partecipa al Premio, o lo scritto futuro che parteciperà a quello successivo e nuovo.

14.   Un sostegno che dura un anno.

Un aiuto per chi partecipa al Premio che durerà per tutto il tempo della durata del concorso. Dopo aver ricevuto la scheda di valutazione lo Scrittore o la Scrittrice potranno chiedere, se loro vogliono, spiegazioni e suggerimenti pratici su come applicare nello scrivere i consigli dati. Come migliorare i pregi della loro scrittura e come eliminare i difetti o gli errori di narrativa. In modo semplice, chiaro e pratico. E controlleremo anche i progressi fatti. E questo lo faremo gratuitamente. E per tutta la durata del Premio.

15.   Esortazione e incoraggiamento.

Chi partecipa al Premio e per quell’anno né vince e né viene pubblicato non si deve scoraggiare. I bravi Scrittori e le brave Scrittrici spesso escono fuori dal loro guscio lentamente. E per fare questo ci vuole tempo e pazienza. E arrivano alla meta coloro che non mollano e che con modestia accettano i consigli su come migliorare la propria scrittura narrativa e li applicano ai propri scritti. Noi i consigli te li daremo. Poi sarai tu a decidere se ascoltarli o no. E potrebbe avvenire, questo o il prossimo anno, anche la pubblicazione della tua opera mentre partecipi proprio al nostro Premio Letterario. E magari dopo avere accettato e messo in pratica i nostri consigli.

16.   Il nostro aiuto.

Noi del Premio  vogliamo aiutarti a pubblicare la tua opera e a iniziare il tuo cammino nel mondo editoriale come Scrittore o Scrittrice. Partecipa anche tu al Premio, non essere timido o impacciato, non sottovalutati e non sentirti inadatto a scrivere. Se ami la scrittura prova a partecipare al nostro Premio. Se in te c’è qualche pregio o talento letterario, anche nascosto, noi del Premio cercheremo di scoprirlo e portarlo alla luce per fartelo notare, apprezzare e coltivare. Anche così possono nascere gli Scrittori e le Scrittrici.

17.   Il Premio.

Il primo posto riceverà 1500 euro.

Il secondo posto 750 euro.

Il terzo posto 500 euro.

Dal 4° al 10° posto riceveranno un attestato di merito.

18.   Luogo della premiazione.

La premiazione si terrà nel mese di maggio del 2023, nelle vicinanze di Pisciotta, in provincia di Salerno. Il posto, il giorno e l’ora sono ancora da definire. Ma verranno comunicati almeno tre mesi prima dell’evento o anche prima.

19.   Perché per partecipare si paga una quota di iscrizione.

Si paga una quota perché ci sono delle spese da coprire. La spesa del Premio. Le spese di segreteria. Le spese di lettura e valutazione delle opere. Le spese per gli aiuti esterni. Il tempo e l’impegno per contattare le Case Editrici. E il tempo impiegato e l’impegno costante per tutto il periodo del Premio. Le spese di cancelleria e internet, i molti consigli di scrittura creativa che verranno dati, l’esame di critica e valore letterario delle opere. La ricerca di un talento letterario, e quanto serve per farlo emergere . E non mi pare che sia poco!

20.   La lunghezza delle opere.

Un Romanzo deve essere lungo minimo200 pagine e massimo 1500.

Un Racconto minimo 50 pagine e massimo 100.

Una Raccolta di Racconti minimo 100 pagine e massimo 500.

Per opere di lunghezze diverse da queste, chiedere in segreteria.

21.   La quota di iscrizione al Premio.

La quota varia con la lunghezza dello scritto.

Per opere da minimo 50 pagine e fino a 350 pagine, la quota è di euro 100.

Da 351 e fino a 700 pagine, la quota è di euro 150.

Da 701 e fino a 1500 pagine, la quota è di euro 200.

Per opere di lunghezza maggiore chiedere in segreteria.

22.   Come spedire la quota di iscrizione.

La quota va spedita soltanto tramite un Vaglia Postale intestato a: Signora Mondillo Marina via Giardini 27/D 84066 Pisciotta (Salerno) Italia

E nella comunicazione inserire la scritta: “Quota iscrizione al Premio Nuovi Scrittori e Nuove Scrittrici 2022-2023.” E inserire nella spedizione dell’opera copia della ricevuta dell’avvenuto pagamento.

23.   Come inviare le opere.

Il formato elettronico, tramite la e mail del Premio che è questa:  pernuoviscrittoriescrittrici@gmail.com

Il formato cartaceo, tramite pacco postale, spedito in qualsiasi modo si voglia.

Se si vogliono usare altri modi, fate pure.

Intestare il pacco a: Signora Mondillo Marina via Giardini 27/D 84066 Pisciotta (Salerno). Se dopo la spedizione volete con una mail, o una telefonata, avvisare la segreteria del Premio, la cosa sarebbe a noi gradita. Grazie.

24.   Come inviare i dati dell’autore o dell’autrice.

Sulle opere, se non lo avete già fatto, non scrivere né nome né cognome di chi le ha scritte. Inserire questi dati a parte, in un secondo file o scritti a stampa o a mano e messi in una busta chiusa, spediti insieme alle opere. Ecco cosa scriverci: Nome e Cognome, età, data di nascita, titolo dell’opera spedita, indirizzo e-mail, indirizzo postale, numero di telefono fisso o cellulare o entrambi. Altri dati, se necessari potranno essere richiesti in seguito. Ma se tali dati li avete già scritti sulle pagine della vostra opera, va bene lo stesso, speditele così come sono.

25.   Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitate a chiamarci. Risponderemo al più presto a tutte le vostre domande per via e mail o per telefono.

26.   Ecco come contattare la segreteria del Premio.

Tramite email:  pernuoviscrittoriescrittrici@gmail.com in qualsiasi orario, giorno o notte che sia.

Per telefono: 324-80-14-577  oppure 388-19-90-495

Giorni: Da lunedì a domenica

Orario: Dalle ore 14:00 alle ore 18:00

Ma se per necessità non potete in questo orario, chiamate nell’orario che meglio potete.

Risponderà Marina o Elisabetta o Pietro.

27.   La segreteria del Premio, in caso di necessità, può aggiungere a questo regolamento tutte le modifiche che riterrà necessarie per la buona riuscita del concorso.

28.   La segreteria del Premio avvisa che non è responsabile delle decisioni o degli accordi che le Case Editrici prenderanno con gli autori o autrici delle opere per la loro pubblicazione.

29.   Tutte le copie delle opere inviate al Premio, in qualsiasi formato, non saranno restituite, ma verranno eliminate dalla segreteria.

30.   In caso di necessità, smarrimento o imprevisti vari, la segreteria può chiedere ai partecipanti un nuovo invio delle copie delle opere.

31.   Chi partecipa al Premio, con l’invio dell’opera o delle opere, e il pagamento della quota o delle quote di iscrizione, dichiara tacitamente di accettare tutto quanto è stato scritto in questo bando.

32.   La segreteria augura a tutti i partecipanti : Buon Premio!

  • 51
  •  
  •  

12 Commenti a Premio Nuovi Scrittori e Nuove Scrittrici

  1. Taimar Cormano

    Salve, vorrei sapere se escludendo le “opere erotiche o ponografice” intendete distanziarvi solo dal genere fine a se stesso o se volete proscrivere qualsiasi contenuto esplicito, anche quando questo abbia un fine morale, spirituale o filosofico. O soprattutto, un fine “politico”, altro termine che forse andrebbe chiarito (esiste un libro che non lo sia?). Anche il termine “soprannaturale” mi lascia alquanto preplesso. Forse il punto 5 andrebbe smussato con qualche ulteriore spiegazione, perché scritto così sembra lasciare fuori metà della lettura mondiale:)
    Grazie per il vostro tempo

    • Pietroluciano

      Ciao Taimar, la tua domanda é corretta, visto che questi punti non sono stati specificati. Cercheremo di farlo nel prossimo bando, e ti ringraziamo di avercelo fatto notare. Ora li chiariremo a te e a quelli che ce lo chiederanno in futuro.

      Iniziamo col dire che la Segreteria del Premio ha fatto “una scelta di vita letteraria”, escludendo dal Premio quei “generi letterari che tu hai citato”, cosí come uno scrittore o una scrittrice sceglie di scrivere un romanzo Rosa e non vuole scriverne uno Erotico, oppure scrive un romanzo Erotico e non vuole scriverne uno Rosa. Sono semplici scelte di vita e basta. Senza voler giudicare chi scrive un romanzo Rosa o chi ne scrive uno Erotico. Ognuno può scrivere il genere di Romanzo che desidera. La nostra scelta é basata anche sul concetto che i romanzi del Premio possa leggerli con serenità anche un ragazzino o una bambina di 10 anni o di 8 anni, e penso di essere stato chiaro.

      Ora specifichiamo alcuni punti. Noi “la Pornografia” la escludiamo e basta. Quindi niente opere con una narrazione o con immagini pornografiche. Che tale narrazione o tali immagini siano tante o poche non le esclude dalla eliminazione.
      Le opere”Erotiche” sono un altro “genere letterario” che il Premio non accetta.
      Le opere “Politiche” che trattano solo Politica e basta, nel senso che “fanno politica”, non ci interessano.
      Lo stesso discorso vale per le opere “Religiose” e per le opere che trattano “il Soprannaturale”, a noi non interessano.

      Naturalmente sappiamo che in molti Romanzi a volte vi sono inclusi al loro interno alcune sequenze o parti che possono contenere i Temi che noi abbiamo escluso. Ma questo non vuol dire nulla. Questi Temi li abbiamo esclusi come” Romanzo Intero” che tratta tali Temi, e non se appaiono sporadicamente nel Romanzo che tratta di altri Temi.
      Noi non le escluderemo, ma valuteremo, e faremo in modo che, se tali scene sono troppo spinte, o in qualche modo possono turbare un ragazzino di 10 anni che leggesse il Romanzo, chi le ha scritte dovrà aggiustare e renderle meno cruente o meno impressionanti ricevendo da noi i dovuti suggerimenti da applicare allo scritto. E questo dovrà farlo prima di ricevere il Premio, se vincerà, o prima di essere da noi raccomandato per la pubblicazione con una casa editrice non a pagamento e che propone un onesto e regolare contratto o accordo editoriale a chi ha scritto il Romanzo.

      Ti ringraziamo ancora per averci permesso di chiarire questo punto. E se hai altre domande noi risponderemo.
      Cordiali saluti.
      La Segreteria del Premio.

      1

  2. Gaetano

    Vorrei sapere se posso partecipare con un romanzo di 170 pagine, interlinea 2, che è stato già pubblicato da una piccola casa editrice, ma dato che il contratto di edizione è ormai scaduto, il romanzo si può ripubblicare. Grazie.

    • Pietroluciano

      Ciao Gaetano, se il tuo Romanzo é libero da vincoli contrattuali come dici, noi del Premio possiamo considerarlo come se fosse ancora inedito. E quindi puoi partecipare al Premio con questa tua opera.

      Facciamo questo strappo alla regola perché al Premio interessa prima di ogni altra cosa la ricerca del talento letterario. E poi noi vogliamo aiutare gli autori a pubblicare correttamente le loro opere. Questo vale per tutti i partecipanti e anche per te.

      Naturalmente resta inteso che qualora tu risultassi vincitore del Premio, o la tua opera fosse idonea per essere raccomandata per una pubblicazione, cosí come faremo per tutti i meritevoli, dovrai anche tu riconfermarci che la tua opera é in quel momento ancora libera da qualsiasi vincolo editoriale.

      Grazie.
      Cordiali saluti.
      La Segreteria del Premio.

  3. Pietro Luciano Placanico

    Ciao Piero, grazie per la tua schiettezza che è e sarà da noi sempre apprezzata. La tua domanda è lecita e corretta e noi ti ringraziamo per avercela posta. Noi non abbiamo al momento né un sito né una pagina Facebook né troverai informazioni sul Club Letterario: ” Per Chi Ama Scrivere ” in internet. Dato che tutto questo è nato da poco. Quindi il sito, Facebook e il Club sono ancora in fase di progettazione. Non appena saranno pronti li metteremo in rete. Ma questo non tocca il Premio che può andare avanti benissimo.

    Tu mi dici che, siccome dovrai versare una quota di iscrizione, vorresti sentirti tutelato. E questo è più che ragionevole. Ma noi non ci conosciamo ancora e quindi tu non puoi avere fiducia in noi. E anche questo è logico.

    Ora vediamo come superare questa barriera. Così impareremo un pò a conoscerci e ad avere un pò di fiducia l’uno verso l’altro. Io ci ho pensato e mi è venuta questa idea che se per te va bene la possiamo mettere in atto subito. Ecco l’idea. Tu mi puoi mandare le prime 30 o le prime 50 pagine della tua opera, anche in un file, senza mandare denaro. Noi le esaminiamo e in breve tempo faremo su di esse una valutazione di critica letteraria e di critica editoriale. Ti diremo dove sei bravo e dove, se necessario, devi migliorare. I punti di forza che dovrai mantenere nel tempo, e i punti deboli, se ne hai, che dovrai in qualche modo o eliminare o migliorare. E altro… Poi, farai la tua valutazione. E deciderai se puoi fidarti o meno di noi. Non pagherai nulla, così potrai continuare ad essere sereno. E Poi valuterai tu cosa fare. Che ne dici?

    Informaci su cosa avrai deciso.
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    La Segreteria del Premio.

  4. Piero

    Scusate la schiettezza, che spero non sia confusa con altro.
    Vedo che non avete nè un sito, nè una pagina Facebook attiva e inoltre non si riescono a reperire informazioni in rete sul Club Letterario: ” Per Chi Ama Scrivere “. Considerando gli importi non trascurabili delle quote di iscrizione richeste, e che si tratta della prima edizione di questo concorso, come può un autore sentirsi ragionevolmente tutelato ?
    grazie

    • Pietroluciano

      Ciao Piero, apprezziamo la tua schiettezza e grazie per averci fatto questa domanda. Non trovi informazioni in internet perché il sito, Facebook e il Club Letterario: ” Per Chi Ama Scrivere” sono ancora in fase di progettazione, sperando di poterli mettere al piú presto in rete. Ma questo nulla toglie al Premio che può andare avanti benissimo.

      Tu, giustamente, vuoi tutelare la tua iscrizione. Non conoscendoci fai fatica a fidarti, e anche questo è ragionevole. Ora vediamo come abbattere questa barriera. Mi é venuta un’idea che se la accetterai penso che potrà eliminare ogni tuo dubbio in merito a questa vicenda. Ecco l’idea. Tu, in un file, o per posta se spedisci il cartaceo, puoi mandarci una copia delle prime 30 o le prime 50 pagine della tua opera, senza pagare nulla. Noi valuteremo il tuo scritto con una critica letteraria e una critica editoriale. Ti diremo i tuoi punti di forza che dovrai mantenere e sviluppare maggiormente, e i tuoi punti deboli, se ne hai, da eliminare o da migliorare. E altro… E tutto questo sarà gratuito. Poi tu valuterai se darci fiducia iscrivendoti al Premio.

      Facci sapere la tua decisione.
      Grazie.
      Cordiali saluti.
      La Segreteria del Premio.

  5. Pietro Luciano Placanico

    Ciao Daneri, per ” pagina” si intende ” una pagina” cosí come la conosciamo noi in modo semplice. I programmi di scrittura elettronici conteggiano le pagine in automatico e in basso si può leggere il loro numero. Per i dattiloscritti, le copie stampate o le pagine scritte a mano la “pagina” é un lato del foglio A4 o di altra misura ed é un lato di un foglio di un quaderno scolastico o altro quaderno o di altro supporto cartaceo, per essere chiari. Il termine “cartella editoriale” può andare bene, anche se il Premio non ha usato questo termine per non dare peso alle battute o agli spazi tra le lettere. Perché per noi questo non é importante. Quindi in una pagina vi possono essere 1800 battute spazi compresi, oppure piú di 1800 battute, oppure meno di 1800 battute, oppure quante battute chi scrive riesce a mettere in una pagina, o quante ne vuole mettere in modo libero e come piace a chi scrive. L’importante è che la scrittura sia chiara e facilmente leggibile. E chi scrive non si preoccupi di quanto scritto mette in una pagina, ma si concentri piú sulla qualità del suo scritto. Meno distrazioni chi scrive ha, e meglio sarà per lui o per lei. Questo é l’intento del Premio.
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    La Segreteria del Premio.

  6. Ida Daneri

    Per pagine si intende cartella editoriale da 1800 battute?

    • Pietro Luciano Placanico

      Ciao Daneri, per “pagina” vogliamo dire “una pagina” nel significato piú semplice. Un programma elettronico conteggia le pagine in modo automatico, e si trovano scritte in basso, una pagina dattiloscritto o stampata può avere un formato A4 o di diversa misura. Una pagina cartacea scritta a mano ha le dimensioni di un quadernone scolastico o di altre dimensioni e cosí anche altri supporti cartacei. Inoltre per “pagina” si indica solo un lato di qualsiasi foglio cartaceo. Per le battute è gli spazi vuoti non abbiamo voluto stabilire un numero preciso. Quindi una pagina può contenere 1800 battute compresi gli spazi, può avere meno di 1800 battute compresi gli spazi o piú di 1800 battute compresi gli spazi, senza stabilire un numero preciso di battute e di spazi. Chi scrive il testo faccia come meglio crede o vuole, che per noi va bene lo stesso. L’importante é che la scrittura sia chiara e facile da leggere. In questo modo chi scrive avrà meno distrazioni e potrà concentrarsi meglio sulla qualità del suo scritto. Questo é il nostro obiettivo. Quindi se usiamo il termine “cartella editoriale” vogliamo dire che parliamo di “una pagina”, che sono in questo caso la stessa cosa.
      Grazie.
      Cordiali saluti.
      La Segreteria del Premio.

  7. Pietro Luciano Placanico

    Ciao Vincenzo, dato che accettiamo anche opere innovative, puoi mandarci anche la tua opera in prosa poetica. La riceveremo con interesse.
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    La Segreteria del Premio.

  8. Vincenzo

    Salve, si può partecipare con’opera inedita in prosa poetica della lunghezza di circa 72.000 battute (spazi inclusi) distribuite su 102 pagine? Non si tratta di un racconto nel senso proprio del termine, in quanto non vi è una narrazione classica di eventi, non è propriamente una storia che si sviluppa con una sua trama e suoi personaggi, ma è comunque una forma di scrittura in prosa, al confine con la poesia (dalla quale mutua alcune forme espressive), che ha un suo sviluppo e una sua evoluzione, con una chiara connotazione psicologica dell’unico personaggio, l’io narrante, e delle sue vicissitudini, intese come proiezioni di pensieri, sentimenti e desideri del suo vissuto interiore.

Domande su questo bando?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.