La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

Vincitori concorso romanzi con le ali 2021

Venerdì 26 Febbraio abbiamo proclamato in diretta i vincitori del concorso dei mini racconti 2021. Eccola:

 

Il premio in palio era il Master online di scrittura creativa. Lo abbiamo presentato in diretta il 23 Febbraio. Ecco la presentazione:

 

I vincitori di Romanzi con le ali 2021

2° e 3° posto – pari merito
Monica Fornaciari – Diario di una vendetta

Motivazione:

Semplicità d’espressione, brio e una buona dose di irriverenza: sono questi gli ingredienti di Diario di una vendetta, di Monica Fornaciari, opera squisitamente pensata per i bambini.
Ci vogliono sensibilità e delicatezza per riuscire ad affrontare temi spinosi quali la superficialità e l’ingiustizia dei più “grandi”, e Monica Fornaciari ci riesce benissimo dando vita a Fulgenzio, bambino dalla personalità vivace e ingenua, che pur scalfito nell’anima mantiene il suo sguardo disincantato e intelligente.
In questa opera il pensiero e il punto di vista della scrittrice fanno davvero la differenza, perché lei ha molto da dire, e quel suo messaggio, così delicato e ribelle, seppur ammantato di estrema ironia, permea ogni pagina, donando al romanzo una personalità riconoscibile.
Prendendo in prestito le stesse parole dell’autrice, Diario di una vendetta è “un vero e proprio inno al riscatto”, che rivela il segreto più importante: imparare ad accettarsi.

Incipit:

Me l’ha ordinato il Sergente Karper di scriverti, da oggi in poi.
Ha detto che è il primo passo verso la vittoria.
“… e per un drappello di traditori puzzoni!” Ha concluso il suo discorso. “Ricordati che la
VENDETTA è un piatto che va gustato FREDDO.”
E io questo finale non me lo riesco proprio bene a spiegare perché a me il cibo piace
soprattutto quando è bello fumante e appena sfornato. Mah, vai a capire cosa gli passa in
quella piccola testa; però io del Sergente Karper mi fido a mille e quindi eccomi qui.

2° e 3° posto – pari merito
Ilaria Lalli – Timing

Motivazione:

Di Timing, scritto da Ilaria Lalli, abbiamo apprezzato la freschezza, lo stile pulito ed elegante, e la rara capacità dell’autrice di far emergere con fluidità le giovani voci di Isabell, la protagonista, e di Andrew, che le fa da contraltare. Il risultato è la sensazione di avere a che fare con due personaggi verosimili e credibili, e per questo coinvolgenti, che si muovono all’interno di una cornice storica sapientemente costruita.
Ilaria Lalli rievoca con precisione le atmosfere, le ideologie, gli stili di vita della seconda metà dell’Ottocento, e di questi si serve per esplodere l’intento tematico, poiché è proprio lì che Timing esprime tutta la sua forza e potenzialità.
Isabell e Andrew, figli del loro tempo, si ritrovano per poi allontanarsi, lottano per riconciliarsi, crescono per arrivare a scoprire che due diverse anime, pur incompatibili, possono trarre beneficio “da quella stessa contrapposizione di idee e posizioni” che li caratterizza.

Incipit:

Quella notte feci il peggiore incubo della mia vita. L’avvicendarsi dei giorni precedenti, o meglio, delle settimane precedenti, mi aveva reso insofferente e irrequieta. Rivissi nella mia mente le immagini viste durante il sonno, prendendo un profondo e sonoro respiro.

 

1° posto
Roberto Ricci Petitoni – Colori in movimento

Motivazione:

Colori in movimento, scritto da Roberto Ricci Petitoni, è avventura e romanzo di formazione, distopia e storia d’amore. È una sfida, un viaggio in un mondo variegato dentro cui si muovono il protagonista, Lorenzo Lotti, e una rosa di personaggi accattivanti.
Quello che crediamo possa essere il punto di forza dell’opera è racchiuso proprio qui: nella capacità dell’autore di creare un sistema di relazioni in cui trovano spazio e credibilità diverse espressioni della natura umana. Il conflitto è ben definito, lo spazio e il tempo sono chiari. La scrittura è fluida, priva di artifici.
L’autore riesce a evocare modelli di mondo immersivi attraverso l’uso dei sensi, illumina la giusta porzione di realtà e restituisce un caleidoscopio di sfumature che ben si riflettono nelle passioni di Lorenzo Lotti, writer e biologo in cerca del suo posto nel mondo.
L’opera ha un ritmo incalzante, è vivace, e ha un ottimo potenziale.

 

Incipit:

“Prima di ogni “missione” notturna nella mia mente albergano strani pensieri. Talvolta mi chiedo se potrebbe essere l’ultima notte nella quale mi viene concesso di lasciare un segno del mio transito terreno. Se venissi a sapere che il giorno dopo, prima che il buio della sera inghiottisca la luce del giorno, ci sarà la fine del mondo, cosa farei?”

Complimenti anche a:

Cornice rossa di Ida Daneri
Il piombo e l’oro di Riccardo Neri
L’ultimo monolite di Roberto Bartolozzi
Le crisalidi di Carla Luisa Pirovano
Io ho avuto quelle notti di Giuseppe Sebastiani
Nicole di Monica Tavella
Crescita di Victoria Phoenix Dickens
Xantia di Francesca Costa
21 mesi di Gennaro Aiello
Il passato non perdona di Chiara Forlani
Cjan e Paron di Paola Taliana
Missione Galileo Giovanni Luca Ventura