La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

Liberi di Scrivere ottava edizione: concorso per racconti a tema “Ridere come vivere”

Introduzione

L’ottava edizione di Liberi di scrivere offre a tutti i maggiorenni

appassionati di scrittura l’opportunità di cimentarsi nella stesura

di un racconto, confrontarsi con una giuria di esperti e veder

pubblicato gratuitamente il proprio lavoro.

Requisiti

Il concorso è gratuito e pubblico, aperto a tutti coloro che hanno

compiuto il diciottesimo anno di età alla scadenza

del termine di consegna dei racconti.

Ogni partecipante può inviare un solo racconto, non

necessariamente inedito. Il racconto potrà essere inviato anche

ad altri concorsi letterari.

Si precisa inoltre che nel caso il racconto venisse pubblicato

al termine della manifestazione nell’antologia dei migliori

racconti pervenuti, la pubblicazione avverrà senza previo

consenso dell’autore, il quale, per l’occasione, rinuncia ai diritti di

pubblicazione e riproduzione dell’opera per gli utilizzi inerenti il

concorso e fino al termine della sua durata.

Al momento della consegna del racconto l’autore potrà,

eventualmente, richiedere la forma anonima.

Il titolo scelto per la settima edizione è il seguente:

RIDERE, COME VIVERE.

Allegra e spensierata, curativa e coinvolgente, amara e critica,

ironica e leggera, sguaiata e oscena, socializzata e solitaria, la

risata ha molte forme e tanti poteri e accompagna da sempre le

vite degli esseri umani: nella buona e nella cattiva sorte.

La lunghezza massima del testo è fissata in 15.000 battute spazi

inclusi.

Modalità di consegna

I racconti dovranno essere inviati tramite posta elettronica al

seguente indirizzo: liberidiscrivere@atrion.it.

Oltre al file del racconto (in formato .doc o .txt) dovranno essere

allegati:

– una dichiarazione di presa visione e accettazione del presente

bando (autocertificata o scaricabile sul nostro sito internet www.

comune.carugate.mi.it);

– una copia di un documento d’identità valido;

– un altro file di testo separato contenente nome, cognome,

indirizzo, recapito telefonico, e-mail dell’autore e titolo del

racconto.

Nessuna indicazione del nome dell’autore, né alcun altro

segno distintivo, dovrà comparire all’interno del file contenente

il racconto (al momento della ricezione ad ogni racconto verrà

assegnato un codice alfanumerico).

La consegna in modalità diverse da quelle elencate

e/o la mancanza della dichiarazione di accettazione

del presente bando comporterà l’esclusione dal concorso.

Termini di consegna

I racconti dovranno essere consegnati entro e non oltre

le ore 24,00 di Domenica 10 ottobre 2021.

Selezione e premi

La commissione esaminatrice, composta da esperti

e presieduta dallo scrittore Federico Baccomo, valuterà i

racconti in base a creatività, stile narrativo e sviluppo

del tema proposto.

Verrà quindi elaborata e pubblicata una graduatoria e

inviata comunicazione ufficiale ai vincitori.

I primi tre racconti saranno premiati in occasione di una

serata pubblica.

Al miglior racconto, un riconoscimento in denaro di 500 euro,

al secondo 300 euro e al terzo 200 euro.

La giuria attribuirà anche un “Premio speciale alla memoria di

Cristina Borgonovo” (bibliotecaria e dipendente del Settore

Cultura della Regione Lombardia, dal 2009 e per 5 edizioni

consecutive nella giuria di Liberi di Scrivere).

E’ inoltre previsto un premio popolare, assegnato dalla

cittadinanza, che verrà chiamata a votare, online, il racconto

preferito tra i migliori pervenuti.

I migliori racconti, anche se non vincitori, potranno essere pubblicati

e distribuiti nei luoghi d’incontro sul territorio.

Copia integrale del bando di concorso è disponibile nelle

biblioteche che aderiscono all’iniziativa o sul sito web del

Comune di Carugate (www.comune.carugate.mi.it).

Il giudizio della commissione è insindacabile e non ricorribile.

Per informazioni: liberidiscrivere@atrion.it – 02 92158311- 313.

  • 11
  •  
  •  

Un Commento a Liberi di Scrivere ottava edizione: concorso per racconti a tema “Ridere come vivere”

  1. Lucchesi Claudio

    Sarei interessato, ma come mai è richiesta la carta d’identità? Il codice fiscale lo invio, ma la carta di identità è personale Mi sembra un po’ troppo!

Domande su questo bando?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *