La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

  • 16
  •  
  •  
< Torna al blog

Come scrivere quando non sei dello spirito giusto

Scrivere è certamente un atto creativo che richiede concentrazione e disciplina. Ma a volte capita che nella nostra vita accadano eventi destabilizzanti oppure ciò che succede nel mondo fuori ci distrae e demoralizza a tal punto che ci sembra impossibile trovare energia, spazio e tempo per farlo. In questo articolo voglio darti alcuni consigli su come fare a scrivere quando non si è dello spirito giusto.

Proteggi il tuo temp(i)o

Vuoi essere uno scrittore? Fai della scrittura la tua priorità! Nei momenti di abbattimento, quando non sei nel mood giusto, quando una notizia ti ha turbato al punto da impedirti di fare qualsiasi cosa allora pensa alla scrittura come alla tua oasi felice, da proteggere a qualsiasi costo. Rifugiarti nella scrittura è davvero un rimedio efficace perché da un lato ti permette di portare avanti i tuoi progetti da scrittore e dall’altro ti offre la possibilità di staccare la spina dal vortice quotidiano nel quale sei costantemente preso. Trova la tua routine e decidi qual è il momento migliore per scrivere. Può essere al mattino prima ancora di sentire il notiziario? O magari a notte fonda quando la tua mente è più rilassata?

Scopri i nostri corsi!

Non dimenticare mai la tua motivazione

Quante volte abbiamo parlato del tuo perché? Del motivo che ti spinge a scrivere? Questa è una volta in più ma non è mai abbastanza. Ci sono tanti motivi per scrivere, credo almeno uno per ogni persona che lo fa, e sono tutti ugualmente validi. Devi ancorarti bene al tuo motivo personale, abbracciarlo e tenerlo sempre con te, perché sarà soprattutto in questi momenti che ne avrai bisogno. Io personalmente trovo molto utile trasporre in un oggetto simbolico la mia motivazione, può essere una ciondolo che tengo al collo, un quadro appeso alla parete sulla mia scrivania, una frase scritta con il pennarello in bacheca, un vaso pieno di petali di rose, una pietra lavica accanto al pc… insomma qualcosa che posso guardare in qualsiasi momento e che mi ricorda perché lo faccio.

Non soltanto scrivendo si scrive

Uno scioglilingua ma anche una verità. Il processo di scrittura non è fatto solo dell’azione dello scrivere in sé. È qualcosa che ci accompagna sempre. Quando osserviamo la gente, quando sogniamo, quando leggiamo, quando andiamo dal nostro psicologo, quando siamo in vacanza o immersi nella natura. Ma ancora, quando interagiamo con altri scrittori e quando ci confrontiamo con il nostro pubblico. Quindi non è il caso di gridare al fallimento se un giorno proprio non ci sei riuscito a metterti seduto a scrivere la tuo quota di parole quotidiane, avrai lavorato al processo in un altro modo, ne sono certa. Ma ricordati, purché sia solo un giorno d’accordo?

Scrivere è il tuo modo di combattere

Il mondo sembra dominato dal caos e spesso dall’ingiustizia. Guerre, carestie, sconvolgimenti climatici, fatti vicini e lontani che ci raccontano di sofferenze a tutte le latitudini. E poi c’è la crisi economica, le bagarre politiche e il nostro quotidiano fatto di piccole e grandi difficoltà. Se in mezzo a tutto questo tu continui a scrivere proteggendo questa passione allora non puoi non considerarti un eroe. Il tuo personale modo di combattere, di dare un contributo sotto forma di storie, informazioni, considerazioni, che aiuteranno tante altre persone a superare i momenti difficili. Cosa vuoi di più dalla vita?

Commenta per primo!

Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perdere
un aggiornamento!

Iscriviti alla nostra mailing list
per rimanere sempre aggiornato.