✹ Ti piace il nostro sito? Lascia una recensione! ✹

La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

  • 17
  •  
  •  
< Torna al blog

Trova la tua voce da scrittore

Be a voice not a echo”, ovvero “Sii una voce e non un eco”. Non sono riuscita a rintracciare l’autore di questa espressione, ma a ogni modo la considero davvero fondamentale, soprattutto se pensiamo al modo in cui siamo abituati a comunicare oggi e a fruire delle informazioni. In questi tempi moderni le voci sono sempre meno mentre gli eco si moltiplicano, tra un post condiviso e un retweet.

Il senso è chiaro: sii te stesso, non la copia di qualcun altro. Questo è ancor più vero quando si tratta di scrittura. Trovare la tua voce di scrittore, ovvero il tuo stile, è importante. Si tratta di quel “quid” che ti rende unico, della spinta che ti permette di emergere in superficie, del modo in cui arrivi ai lettori e in sostanza della firma che ti contraddistingue.

A volte però può essere difficile trovare la propria voce da scrittore, un po’ come quando da ragazzini si passa dai pantaloni a zampa a quelli alla zuava nel giro di pochi mesi. Bisogna indossare un po’ di capi prima di trovare quello che fa al caso nostro, quello che ci fa sentire pienamente noi stessi e a nostro agio.

Trova la tua voce di scrittore: alcuni esercizi facili facili

Penso di averti già detto che la lettura può esistere senza la scrittura, ma la scrittura non può esistere senza la lettura. Quando sento qualcuno autodefinirsi scrittore e poi asserire di non essere mai stato un gran lettore, stai pur certo che non ha fatto in tempo a finire la frase che io sono già lontana.

Il preambolo è d’obbligo perché se vuoi trovare la tua voce da scrittore devi partire proprio dalle voci che ti hanno ispirato. Scegline almeno tre e poi confrontale fra loro. Cos’hanno in comune? Che cosa le distingue? Ma soprattutto fatti la domanda più importante: perché ti hanno ispirato? Cosa c’è in loro di diverso rispetto agli altri?

Il secondo step è quello di divertirti a scrivere lo stesso argomento con stili differenti. Dalla poesia alla prosa, passando per la saggistica, la cronaca, il romanzo, lo stile fantasy, la satira, gli haiku, le ricette di cucina, e chi più ne ha più ne metta. Quale stile ti ha stimolato di più? Quale invece ti è costato più fatica? Quale ti ha appassionato tanto che il tempo è sembrato volar via in un lampo?

Infine decidi per chi ti piacerebbe scrivere. Qual è il tuo target? Come te lo immagini? Perché vuoi scrivere proprio a loro e per loro? Cos’hai di così importante da dirgli e che loro devono assolutamente sapere? E soprattutto raccogli i loro feedback, commenti, suggerimenti, opinioni. Cosa ne pensano del tuo stile? Come lo descrivono? L’opinione che hanno loro coincide con la tua?

Trova la tua voce da scrittore: sii te stesso e non te ne pentirai

Trovare la tua voce da scrittore è un percorso che può essere a tratti divertente, a tratti impervio e a tratti catastrofico, ma non potrà mai essere artificioso.

Non devi costruire niente, non devi cercare di assomigliare a qualcuno o di piacere a tutti i costi rinunciando alla tua genuinità. Devi semplicemente essere te stesso.

La tua voce da scrittore è già dentro di te, probabilmente c’è sempre stata. Tutto quello che devi fare è mettere a tacere tutto il rumore di fondo da cui siamo costantemente circondati e stare ad ascoltarla.

E tu? Hai trovato la tua voce da scrittore? Ti va di raccontarci come hai fatto?

Commenta per primo!

Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perdere
un aggiornamento!

Iscriviti alla nostra mailing list
per rimanere sempre aggiornato.