La lettura non permette di camminare, ma permette di respirare

  •  
  •  
  •  
< Torna al blog

È il momento di tornare a scrivere

Sono passati 20 giorni da quando l’Italia è in quarantena e per me che vivo a Milano in realtà sarebbero almeno una decina di più, e quando tutto questo è successo devo ammettere che non ha cambiato per nulla la mia vita lavorativa dato che sono circa 6 anni che lavoro da casa. E quando ho saputo che l’italia era in quarantena da totale ingenuo ho pensato: avendo più tempo, ci sarà più gente che vuole scrivere e quindi più gente che partecipa ai concorsi letterari, no? Beh, no.


Iscriviti al nostro canale Youtube, è gratis!

Gli aspetti psicologici della quarantena

Avevo sottovalutato gli aspetti psicologici che può causare una quarantena come questa, perché per moltissimi c’è stato un cambio così radicale delle proprie abitudini, oltre magari a vedere il proprio lavoro interrompersi per i più svariati motivi, che questo ha destabilizzato tutti. Ricevo email di di chi non sa come gestire il proprio lavoro con i figli piccoli in casa, oppure di chi mi ha scritto essere sempre di cattivo umore e di non riuscire a seguire i nostri corsi di scrittura, oppure di chi dice di non essere abituato a gestire tutto questo tempo libero, e la creatività è come una fidanzata crudele, che sparisce proprio nel momento in cui avresti molto più tempo del solito per scrivere.
Eppure, mentre tutto questo ci fa rimanere fermi ai blocchi di partenza, quello che possiamo fare è sforzarci per mettere noi stessi nelle condizioni di risvegliare la nostra creatività.

I concorsi sulla vita ai tempi del coronavirus

Stanno cominciando ad arrivare i primi concorsi che hanno come tema proprio la vita ai tempi del coronavirus e tra le iniziative ti volevo segnalare questo sito che si chiama https://storieinquarantena.it, non è in realtà un concorso, ma puoi inviare qualunque testo scritto su come stai vivendo questi giorni, così da vederlo pubblicato sul sito, tral’altro se ne conosci di altri simili ti invito a segnalarmeli e sarò felice di dargli visibilità.
E una cosa che dobbiamo sempre ricordarci è che dovremmo tornare a scrivere proprio perché siamo sempre di cattivo umore, o perché siamo diventati insonni o perché abitiamo in un monolocale di 20 metri quadri e le nostre giornate sembrano tutte una uguale all’altra. E sì, Anche in questo caso, anche se siamo costretti a guardare sempre le solite quattro mura in cui viviamo, non dobbiamo cadere nell’errore che non ci siano storie da raccontare, perché le storie invece ci sono, e non ce ne sono mai state come in questo periodo.
Adoro per esempio le storie di zerocalcare quando racconta di quanto sia difficile rimanere in casa, e le vignette umoristiche che leo ortolani ogni pomeriggio si diverte a condividere su Facebook.

Le storie di chi vive in quarantena

Ma ci sono anche altre storie e per farmi un’idea ne ho letto qualcuna sfogliando proprio il sito che ti avevo menzionato.
C’è la storia di chi vorrebbe che questa pandemia non finisse mai, perché una volta usciti dalla quarantena sa che verrà portato in prigione.
C’è chi stava per cominciare una storia d’amore giusto qualche giorno prima della quarantena e chi invece ne aveva una clandestina da anni e adesso non può fare altro che aspettare in silenzio, senza sapere cosa sta facendo l’altro.
C’è chi è rimasto bloccato dall’altra parte del mondo e sta cercando in ogni modo di tornare, chi aspetta il primo volo e dorme in aeroporto, chi invece ha deciso a questo punto di rimanere in villaggio a Bali dove a stento c’è l’elettricità e forse, chissà, di rimanere lì una volta che finirà tutto.
C’è chi come me non potrà tornare dai suoi genitori a Pasqua, chi spera che la propria nonna non muoia proprio in questo momento e chi invece l’ha persa senza poterla nemmeno salutare per l’ultima volta.

È il momento di tornare a scrivere

Siamo circondati da storie e abbiamo bisogno di scriverle, di lasciarle andare su un pezzo di carta, perché a volte con la scusa che c’è sempre qualcos’altro di più urgente da fare, i bambini da accudire, l’email di lavoro da mandare, o semplicemente la rabbia che ci toglie ogni parola che abbiamo in corpo, finiamo col cadere nell’errore di rimandare così tante volte il momento dedicato allo scrivere la nostra storia, che quando abbiamo il tempo per farlo ce ne siamo ormai dimenticati.

11 Commenti a È il momento di tornare a scrivere

  1. Tina Giordano

    Non è stato facile, in questo periodo tragico “Rimanere a casa”, comunque il silenzio dei pensieri, delle emozioni di immagini molto forti, di notizie, mi ha portata a realizzare un libretto di 50 pagine, una raccolta inedita di poesie , riflessioni e immagini a colori, frutto di foto scattate al balcone, tra i miei fiori e nella mia zona periferica di campagna. Sto partecipando a concorsi, chissà…Questi sono i miei frutti della “Quarantena”…Tina Giordano.

  2. Katia

    A proposito di concorsi da fare durante la quarantena segnalo questo sito http://www.giocalibri.it/ e il concorso Ping Pong. È un’idea che va avanti da anni ma che in questo periodo è stata riproposta a breve dall’edizione appena finita proprio per far fronte al momento critico che stiamo vivendo con la scrittura.
    Io personalmente sto vivendo questo periodo molto bene, forse perché sono sempre stata brava a organizzare il mio tempo e a non annoiarmi mai, tanto che adesso è il momento migliore per me per fare tutte le migliaia di cose, che già normalmente faccio, senza stress.
    So che è triste per tanti ma trovo che questa sia la migliore crisi che ci potesse accadere (basti pensare a quella peggiore in assoluto: la guerra) perché ci permette di ritrovare noi stessi come esseri umani e i nostri tempi, quelli veri, introspettivi e rivolti verso l’esterno inteso come la ciò che è la natura, il mondo e i rapporti con noi stessi e con gli altri, anche da lontano. Forse ritroveremo i nostri passi, il nostro posto nel mondo, quell’umiltà che ci manca e impareremo a vivere con rispetto reciproco e verso noi stessi.

  3. gianluigi redaelli

    Certo è sempre bello scrivere, per se stessi, visto che il libro che scrivi, se sei nessuno, non viene letto.

  4. Veronica De Luca

    Io lavoro in ospedale in un reparto covid positivi e vorrei tanto raccogliere tutta la mia tristezza in fogli , forse mi servirebbe a stare meglio ma come fare ? Non so perché ma non riesco…proprio come dici tu ho sempre la
    Scusa per rimandare ma è solo una scusa…probabile che sia ansia di sentire ancora più male come chi non vuole medicare una ferita per paura di sentire dolore . Comunque grazie per l’imput chissà che da oggi mi venga un po’ più di coraggio e senza guardare a forma e sintassi deviassi il corso del mio fiume in piena sulla carta …prima che questo devasti il mio stato d’animo . Grazie ancora e coraggio

    • Luca

      Ciao Veronica, intanto grazie mille per il lavoro che stai facendo e per esporti così tanto, credo che sia importante che tu ti dica sempre quanto è importante ciò che stai facendo. Per quanto riguarda la necessità di scrivere, forse nel tuo caso, dato che sei ancora troppo vicina a ciò che stai vivendo, hai ancora bisogno di un po’ di tempo per distaccarti, per decomprimere e per lasciare andare via ciò che stai accumulando in questi giorni. Se ne avrai bisogno, credo proprio che questo momento arriverà. In bocca al lupo.

  5. Ester Cecere

    Grazie per questo simpatico “richiamo all’ordine” !

  6. Sabrina Ceni

    Grazie mille per questa sferzata di energia!
    Io sto facendo ricerca. Rispetto alla fase creativa della scrittura, mi permette di essere un po’ più metodica. E’ come stare dentro una parentesi e accumulare dati e informazioni, in attesa di poterli plasmare.
    Buona scrittura a tutti!

  7. Manuela Capotombolo

    Bellissimo articolo, sicuramente per spronarci.
    Grazie davvero!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perdere
un aggiornamento!

Iscriviti alla nostra mailing list
per rimanere sempre aggiornato.